Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

C'era una vorta un celebre Buffone
che se beccava cento scudi ar mese
pe' tené alegro er Re d'una nazzione:
er Re rideva, e er popolo minchione
piagneva su li conti de le spese.
Un ber giorno, però, fu licenziato.
— Come sarebbe a di'? Me cacci via?
— chiese er Buffone — E quanno m'hai cacciato
chi farà divertì la monarchia?
chi farà ride er capo de lo Stato? —
Er Sovrano rispose: — Per adesso
me basta quer partito intransiggente
che me combatte cór venimme appresso
e me s'alliscia rispettosamente...
Tu nun me servi più: rido lo stesso!



Questa poesia è stata letta 1009 volte