Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA VORPE ANTIMILITARISTA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un Cappone diceva: — Stammatina
ch'ho veduto passà li bersajeri
m'è venuta la pelle de gallina!
Quanti fiji de madre
ciaveveno cuciti sur cappello!
V'abbasti a di' che in testa a un colonnello
ciò rivisto le penne de mi' padre,
ciò rivisto la coda d'un fratello!
— È una vera barbaria!
— strillò la Vorpe rivoluzzionaria —
Bisogna comincia l'aggitazzione
per abbolì l'esercito, in maniera
de butta giù qualunque sia bariera
fra nazzione e nazzione.
Arza la voce tu, che ciai coraggio!
Se te decidi a demolì er riparo
che t'hanno messo intorno ar gallinaro,
a l'occasione te proteggerò. —
Appena trovò libbero er passaggio
la Vorpe c'entrò subbito, e s'intenne
ch'er povero Cappone organizzato
morì ammazzato, ma sarvò le penne.



Questa poesia è stata letta 932 volte