Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanno morì el Leone
un Sorcio letterato,
per esse rimarcato
dar pubbrico bestione,
montò sur cataletto
e improvvisò un sonetto
ch'aveva ricopiato.
A tutti l'animali
je venne la mania
de róppe li stivali
co' quarche poesia.
Perfino la Formica
rilesse 'na canzone
su l'amicizzia antica
che c'ebbe cór Leone;
la Purcia... puro quella,
pe' fasse crede amica,
cantò la tarantella!
Er Ciuccio solamente
guardava 'ste bestiole
coll'occhio innummidito
che luccicava ar sole,
senza potè di' gnente..
— Perché — je chiese un Grillo —
resti così tranquillo?
Nemmanco sei capace
de faje un ritornello...
— Va' via! Lasciarne in pace!
— rispose er Somarello —
Io, grazziaddio, nun bazzico
quer monno letterario
che piagne co' le lagrime
spremute da un rimario;
io no: so' più modesto:
senza cercà la rima,
piagno de core e resto
somaro come prima.



Questa poesia è stata letta 1354 volte