Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Pe' fasse mette er busto così stretto
lei ce fa la ginnastica: s'inchina,
se spreme ne li fianchi, s'intorcina,
manna la panza in drento, insacca er petto...

La scena bella è quanno che je metto
er ginocchio sur fonno de la schina;
io la tiro, lei spigne e me stracina
come fusse er cavallo d'un caretto.

Je l'ha avvisato puro er professore:
— Se ve strignete troppo voi finite
con un vizzio inorganico ner core. —

E lei, defatti, già se sente male,
ar core no, ma all'utero: e capite
che pe' noi donne in fonno è tale e quale.



Questa poesia è stata letta 1444 volte