Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Somaro monarchico italiano
disse a un Ciuccio francese:
— Felice te, che sei repubbricano!
Io, invece, devo sta' sotto a un padrone
che me se succhia er sangue e che me carica
la groppa co' le palle der cannone!
Propio nu' je la fo, caro compagno!
Er peso è troppo forte in proporzione
de li torzi de broccolo che magno!
Spessissimo succede che me lagno,
ma quello se ne buggera e me sona
l'Inno reale mentre me bastona...
— Tutto er monno è paese:
— disse er Ciuccio francese —
defatti puro er mio fa tale e quale,
ma invece de sonà l'Inno reale
canta la Marsijese...



Questa poesia è stata letta 1411 volte