Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Re che commannava anticamente
chiese a un Gobbetto: — E tu che fai de bello?
— Che vôi che faccia? — je rispose quello —
M'ingegno a da' li nummeri a la gente,
così je levo quarche sordarello,
sfrutto la gobba e campo allegramente.
T'ho copiato ner metodo, perché
me so' voluta combinà pur'io
una lista civile a modo mio
pe' vive a sbafo come vivi te:
io nacqui gobbo e tu sei nato Re...
Tiramo avanti e ringrazziamo Iddio!



Questa poesia è stata letta 1184 volte