Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA LIBBERTÀ DE PENSIERO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un Gatto bianco, ch'era presidente
der circolo der Libbero Pensiero,
sentì che un Gatto nero,
libbero pensatore come lui,
je faceva la critica
riguardo a la politica
ch'era contraria a li principî sui.
— Giacché nun badi a li fattacci tui,
— je disse er Gatto bianco inviperito —
rassegnerai le propie dimissione
e uscirai da le file der partito:
ché qui la pôi pensà liberamente
come te pare a te, ma a condizzione
che t'associ a l'idee der presidente
e a le proposte de la commissione!
— È vero, ho torto, ho aggito malamente... —
rispose er Gatto nero.
E pe' restà ner Libbero Pensiero
da quela vorta nun pensò più gnente.



Questa poesia è stata letta 2436 volte