Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una vorta un Cavallo straccinone
ch'ogni tanto cascava pe' strada
scioperò pe' costringe er Padrone
a passaje più fieno e più biada:
ma er Padrone s'accorse der tiro
e pensò de pijasse un crumiro.
Chiamò er Mulo, ma er Mulo rispose:
— Me dispiace, ma propio nun posso:
se Dio guardi je faccio 'ste cose
li cavalli me sarteno addosso... —
Er Padrone, pe' mette un riparo,
fu costretto a ricorre ar Somaro.
— Nun pô sta' che tradisca un compagno:
— disse er Ciuccio — so' amico der Mulo,
e pur'io, come lui, se nun magno,
tiro carci, m'impunto e rinculo...
Come vôi che nun sia solidale
se ciavemo l'istesso ideale?
Chiama l'Omo, e sta' certo che quello
fa er crumiro co' vera passione:
per un sòrdo se venne er fratello,
pe' du' sòrdi va dietro ar padrone,
finché un giorno tradisce e rinnega
er fratello, er padrone e la Lega.



Questa poesia è stata letta 750 volte