Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

C'era una vorta un Omo indipennente
che s'era ritirato in un deserto
lontano da le cose e da la gente,
ar punto tale che per esse certo
de nun vedé la faccia der cristiano,
invece de tenesse un servitore,
ciaveva 'no Scimmiotto ranguttano,
secco, spelato, brutto,
che je faceva tutto.
— Questo nun farà sciopero sicuro,
— pensava l'Omo — e nun ciavrò la Lega
che me vô mette co' le spalle ar muro;
indove nun ce stanno socialisti
er padrone commanna, e nun se frega!
Er servitore serve, e nun c'è cristi! —
La cosa, sur principio, annò benone;
ma un giorno lo Scimmiotto, impaturgnato
per un sopruso fatto dar padrone,
piantò er lavoro e in segno de protesta
pijò 'na pigna e je spaccò la testa.
Immagginate l'Omo, poveraccio!
cór naso rotto e er grugno insanguinato,
scappò strillanno: — E adesso come faccio?
Povero me! Me l'hanno organizzato!



Questa poesia è stata letta 571 volte