Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Siccome era d'inverno, e un Ciavattino
ciaveva un finestrino senza un vetro,
c'imbollettò de dietro un cartoncino
dove c'era dipinto er Padre Eterno
che consegnava l'anime a San Pietro.
'Sta copertura j'era necessaria
p'annisconne la vista der cortile
e riparaje le corrente d'aria.
Però er padron de casa, un miscredente
che ce l'aveva co' li baciapile,
ner vede un Dio dipinto sopra ar fojo
disse: — Levelo subbito! Nun vojo
famme da' der bizzoco da la gente!
— T'obbedirò: — rispose er Ciavattino —
ma tira un brutto vento e, francamente,
nun me pare er momento da levallo
se prima nun ce metti un vetro novo
o una cosa che possa rimpiazzallo...
A te te seccherà la copertura
pe' via de la figura che c'è sopra:
ma bada! chi nun crede ar Padre Eterno,
e nun cià fede ne la religgione,
o presto o tardi finirà a l'inferno!
— Nun te ne incaricà: — disse er padrone —
è quasi preferibile chi nega
l'esistenza de Dio che chi l'addopra
per atturà li buci de bottega...



Questa poesia è stata letta 1472 volte