Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Se presempio te scrive un creditore
pe' ditte porco, farabbutto e peggio,
su la busta sei sempre un omo egreggio,
sei sempre un preggiatissimo signore.

Ma dimme: nun te pare un sacrileggio
sciupà 'sti titoloni de valore,
di' onorevole a un omo senza onore,
preggiatissimo a un omo senza preggio?

Se scrive e nun se pensa, ecco er difetto;
leggi 'sta soprascritta der padrone:
guarda come je porteno rispetto!

De fòra è un illustrissimo barone...
ma drent'a l'anveloppe c'è un bijetto
ch'incomincia così: Brutto puzzone!



Questa poesia è stata letta 1192 volte