Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER BRINDISI DE RE BAJOCCO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Re Bajocco aveva chiesto
er parere der Buffone
pe' fa' un brindisi in maniera
che piacesse a la nazzione,
ma però ner tempo stesso
nu' l'avesse compromesso.
Er Buffone, immassimato
d'esse un membro der Governo,
j'arispose serio serio:
— Faje un brindisi moderno
e vedrai che l'invitati
so' contenti e minchionati.
Bevi ar libbero pensiero,
da' una botta ar crericale,
ma ner mentre che lo dichi
fa' l'occhietto ar Cardinale
e vedrai che l'occhiatina
piace puro a la Reggina.
Bevi e di' che vôi la pace
co' li Stati de la terra,
ma ner dillo tocca er piede
der Ministro de la Guerra
p'avvisallo che prepari
l'antre spese militari.
Quanno bevi ar Re alleato
devi aggi co' furberia
senza dije che je compri
li segreti da 'na spia,
tanto più che, puro lui,
già ha comprato quelli tui.
Fa' così che va benone:
e se avanza la sciampagna
bevi ar popolo... Capisco
che tu bevi e lui nun magna,
ma schiaffallo in un banchetto



Questa poesia è stata letta 1606 volte