Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un vecchio Lupo de la borghesia
disse a la Pecorella: — Io so' parente
de quella ch'allattò la monarchia:
per cui posso magnatte impunemente. —
E senza faje di' mezza parola
je zompò addosso e l'agguantò a la gola.
— Sàrveme tu! — strillò la Pecorella
ar Cane socialista der fattore —
Sennò 'sto brutto boja me sbudella!
me fa a pezzetti! me se magna er core!
Sbrighete che me scanna, amico mio!
Nun perde tempo!... Pe' l'amor de Dio!...
— Nun so — rispose er Cane socialista —
se pe' la Pecorella proletaria
sia mejo la tendenza riformista
o la tendenza rivoluzzionaria...
Finché nun m'entra bene 'sta tendenza
nun te posso fa' gnente: abbi pazzienza... —
Quanno er Cane pijò la decisione
er Lupo stava all'urtimo boccone.



Questa poesia è stata letta 1258 volte