Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'AUTOMOBBILE E ER SOMARO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— Rottadecollo ! — disse un Somarello
ner vede un Automobbile a benzina —
Indove passi tu nasce un macello!
Hai sbudellato un cane, una gallina,
un porco, un'oca, un pollo...
Povere bestie! Che carneficina!
Che sfraggello che fai! Rottadecollo!
— Nun fiottà tanto, faccia d'impunito!
— rispose inviperito l'Automobbile —
Se vede che la porvere e lo sbuffo
de lo stantuffo t'hanno intontonito!
Nun sai che quann'io corro ciò la forza
de cento e più cavalli? E che te credi
che chi vô fa' cariera se fa scupolo
de quelli che se trova fra li piedi?
Io corro e me n'infischio, e nun permetto
che 'na bestiaccia ignobbile
s'azzardi de mancamme de rispetto! —
E ner di' 'ste parole l'Automobbile
ce mésse drento tanto mai calore
che er motore, infocato, je scoppiò.
Allora cambiò tono. Dice: — E mó?
Chi me rimorchierà fino ar deposito?
Amico mio, tu capiti a proposito,
tu solo pôi sarvà la situazzione...
— Vengo, — je disse er Ciuccio — e me consolo
che cento e più cavalli a l'occasione
hanno bisogno d'un Somaro solo!



Questa poesia è stata letta 1250 volte