Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Mentre un Pittore dipigneva un bosco,
dove nessuno c'era entrato mai,
un Ranguttano je strillò: — Che fai?
Dimme: che bestia sei? Nun te conosco...
— Ma io so' un omo, mica so' una bestia!
— spiegò er Pittore — e per de più cristiano.
— Ne sei convinto? — chiese er Ranguttano —
oppuro me lo dichi per modestia? —
Poi guardò la pittura. — Nun c'è male:
ma che robb'è 'sta fetta de polenta?
— No, — dice — quello è er sole e rappresenta
er vero stato d'animo locale.
C'è er sapore dell'ummido, però,
co' l'odore dell'arberi servaggi...
Embè? te piace? — Aspetta che l'assaggi... —
rispose er Ranguttano. E lo leccò.
Da 'sta leccata venne una fusione
de luce e d'aria tanto mai d'effetto
che, jeri, un vecchio critico m'ha detto
ch'è er più ber quadro de l'Esposizzione.



Questa poesia è stata letta 1721 volte