Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Uscite, uscite, o Sorci! — disse un Micio
che da un pezzetto stava a denti asciutti —
A costo de qualunque sacrificio
combatteremo pe' la libbertà!
Cacio e lavoro! Libbertà pe' tutti!
E in quanto ar resto... Dio provederà!
— Giacché è sonata l'ora der riscatto,
— pensò un Sorcetto — quasi quasi sórto... —
Defatti sortì subbito; ma er Gatto
je disse: — Tutti libberi!... Però
voi ciavete er codino troppo corto:
questo nu' lo permetto! — E l'ammazzò.



Questa poesia è stata letta 2429 volte