Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er Chirichetto d'una sacrestia
sfasciò l'ombrello su la groppa a un gatto
pe' castigallo d'una porcheria.
— Che fai? — je strillò er Prete ner vedello —
Ce vô un coraccio nero come er tuo
pe' menaje in quer modo... Poverello!... —
— Che? — fece er Chirichetto — er gatto è suo? —
Er Prete disse: — No... ma è mio l'ombrello!



Questa poesia è stata letta 5289 volte