Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er vino è ssempre vino, Lutucarda:
Indove vòi trovà ppiú mmejjo cosa?
Ma gguarda cqui ssi cche ccolore!, guarda!
Nun pare un’ambra? senza un fir de posa!

Questo t’aridà fforza, t’ariscarda,
Te fa vviení la vojja d’èsse sposa:
E vva’, si mmaggni ’na quajja-lommarda,
Un goccetto e arifai bbocc’odorosa.

È bbono assciutto, dorce, tonnarello,
Solo e ccor pane in zuppa, e, ssi è ssincero,
Te se confà a lo stommico e ar ciarvello.

È bbono bbianco, è bbono rosso e nnero;
De Ggenzano, d’Orvieti e Vviggnanello:
Ma l’este-este è un paradiso vero!

Terni, 3 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 987 volte