Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZIGGNORE, O VVOLEMO DÍ: IDDIO

Giuseppe Gioacchino Belli

Er Ziggnore è una cosa ch’è ppeccato
Sino a ccredese indeggni de capilla.
Piú indiffiscile è a nnoi sto pangrattato,
Che a la testa de David la Sibbilla.

A Ssanta Potenziana e Ppravutilla,
Me disceva da sciuco er mi’ curato
Ch’è ccome un fiàt, un zoffio, una favilla,
Inzomma un Vatt’-a-ccerca-chi-tt’-ha-ddato.

E ppe spiegamme in tutti li bbuscetti
Si ccome Iddio sce se trova a ffasciolo,
Metteva attorno a ssé ttanti specchietti.

Poi disceva: «Io de cqui, vvedi, fijjolo,
Faccio arifrette tutti sti gruggnetti:
Eppureo è er gruggno d’un curato solo».

Terni, 3 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 764 volte