Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Inviti a cena

Aldo Fabrizi

Uh, chi se vede! Hai rotto la clausura?
'A dì la verità nun esco mai...
Perche? ?Ma co' 'sto traffico in do' vai?
'A uscì da casa c'è d'avè paura

Capisco...Sai, sarà l'etè matura...
Ma dentro casa... scuseme, che fai?
Che fò ? fò l'abbonato de la RAI...
e incretinisco dentro a quattro mura...

Vedemese 'na sera!? ?Come no!
Se famo du' spaghetti ,Volentieri...
Ciao! Ma telefonamese però

E mentre se saluteno già sanno,
che tutt'e due, pe' l'ansie e li pensieri,
domani manco se ricorderanno.



Questa poesia è stata letta 4283 volte