Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La Romanella

Aldo Fabrizi

I

Mì nonna, benedetta indó riposa, se comportava come 'na formica e puro si avanzava 'na mollica l'utilizzava per un'antra cosa.

Perciò er dovere primo d'ogni sposa, pure che costa un'oncia de fatica, è d'esse sempre, a la maniera antica, risparmiatrice, pratica e ingegnosa.

Si avanza un po' de pasta, mai buttalla: se sarta co' un po' d'acqua solamente, pe' falla abbruscolì senz'abbrucialla.

E la riuscita de 'sta Romanella che fa faville e che nun costa gnente dipenne da 'na semplice padella.

II

Mò l'urtima invenzione è 'na padella, che quello che se còce poi se stacca, mastice, colla, pece e ceralacca, se rivorteno come 'na frittella.

'Sta novità sarà 'na cosa bella, ma dato che la Pasta nun attacca in pratica sarebbe 'na patacca perché dev'esse mezz'abbruscatella.

Vedete, er gusto nun dipenne mica dar fatto che diventa più odorosa, ma dar sapore de padella antica.

E detto questo, porca la miseria, fò a meno de la chiusa spiritosa, perché 'sto piatto qui è 'na cosa seria!



Questa poesia è stata letta 4517 volte