Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE DELIBBERAZZIONI DER PORTIERE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Er padrone me disse: — V'ho avvisato
che nun vojo vede 'sta porcheria:
se nun scopate mejo casa mia
finisce che ve levo er portierato. —

Dico: — Co' che diritto caccia via
un portiere coscente e organizzato?
Ma che pretenne? ch'er proletariato
scopi l'avanzi de la borghesia?

Io, dico, nun ammetto imposizzione:
e badi a quer che fa, ché da stasera
je pianto er capo lega sur portone:

poi proclamo lo sciopero, cór quale
se viè appoggiato da la cammeriera
j'annerà addietro tutto er personale!



Questa poesia è stata letta 703 volte