Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

E nnò ssortanto co mmajjoni e ttori
Cqui se ggiostrava, e sse sparava bbòtti,
Ma cc’ereno cert’antri galeotti

Indifferenti dalli ggiostratori.
Se chiamava sta ggente Gradiatori,
E ll’arte loro era de fà a ccazzotti.
Ste panzenére co li gruggni rotti
Daveno assai da ride a li siggnori.

Un de sti bbirbi, e mme l’ha ddetto un prete,
Cuscinò cor un puggno un lionfante,
Eppoi se lo maggnò, ssi cce credete!

Je danno nome o Mmelone o Rrugante;
Ma, o ll’uno o ll’antro, mai tornassi a mmete
Nu lo vorrebbe un cazzo appiggionante.

Terni, 4 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 733 volte