Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun difenno Caino io, sor dottore, Ché lo so ppiú dde voi chi ffu Ccaino: Dico pe ddí che cquarche vvorta er vino Pò accecà l’omo e sbarattajje er core.

Capisch’io puro che agguantà un tortore E accoppacce un fratello piccinino, Pare una bbonagrazzia da bburrino, Un carcio-farzo de cattiv’odore.

Ma cquer vede ch’Iddio sempre ar zu’ mèle E a le su’ rape je sputava addosso, E nnò ar latte e a le pecore d’Abbele,

A un omo com’ e nnoi de carne e dd’osso Aveva assai da inascidijje er fele: E allora, amico mio, tajja ch’è rrosso.

Terni, 6 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 1155 volte