Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sto scervio co sta crosce e co sta bboria
Ch’edè? Babbào! ciazzeccherai dimani.
Viè cqua, tte lo dich’io: cuesta è ’na storia
Der tempo de l’aretichi pagani.

T’hai duncue da ficcà nne la momoria
C’a li paesi lontani lontani
Sant’Ustacchio era un Re, ddio l’abb’in gloria,
C’annava a ccaccialepri co li cani.

Un giorno, tra li lepri ecco je scappa
Un cervio maschio, accusí ppoco tristo,
Che llui s’affigurò de fallo pappa.

Ma cquanno a bbrusciapelo l’ebbe visto
Co cquella crosce in fronte e in d’una chiappa,
Lo lassò in pasce, e vvorze crede a Ccristo.

Terni, 7 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 1053 volte