Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PRANZO DE LE MINENTE

Giuseppe Gioacchino Belli

Mo ssenti er pranzo mio. Ris’e ppiselli,
Allesso de vaccina e ggallinaccio,
Garofolato, trippa, stufataccio,
E un spido de sarcicce e ffeghetelli.

Poi fritto de carciofoli e ggranelli,
Certi ggnocchi da facce er peccataccio,
Na pizza aricressciuta de lo spaccio,
E un agreddorce de ciggnale e uscelli.

Ce funno peperoni sott’asceto
Salame, mortatella e casciofiore,
Vino de tuttopasto e vvin d’Orvieto.

Eppoi risorio der perfett’amore,
Caffè e cciammelle: e tt’ho llassato arreto
Certe radisce da slargatte er core.

Bbe’, cche importò er trattore?
Cor vitturino che mmaggnò con noi,
Manco un quartin per omo: e cche cce vòi?

Terni, 8 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 823 volte