Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

No ppe ccristaccio, nun volemo un cazzo
Sti bbaffetti pe Rroma in priscissione;
Che vviengheno a ddà er zacco su a Ppalazzo,
E a bbuggiarà la Santa Riliggione.

Ma er Papa nostro, si nun è un cojjone,
Ce l’ha dda fà vvedé cquarche rrampazzo!
Bast’abbino l’idea de frammasone
Pe mmannalli a impiccà ttutt’in un mazzo.

E ppe nnun fà a cchi fijjo e a cchi ffijjastro,
A le mojje bbollateje la sorca,
E a li fijji appricateje l’incastro.

Si a ddà un essempio a sta canajja porca
Poi manca er boja, sò cqua io pe mmastro,
Che sso ccome se sta ssott’a la forca.

Terni, 9 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 295 volte