Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LO STATO DER PAPA

Giuseppe Gioacchino Belli

Come er Papa ha da stà ssenza lo Stato
Quann’è vvicario lui de Ggesucristo?
M’ha ddetto er coco a mmé de San Calisto
Che inzinente a ddiscorrene è ppeccato.

Ggsucristo c’ha ttanto faticato
Pe ffàcce tuttoquanto avemo visto,
Dovería scede puro a cchi è ppiú ttristo
Sto cantoncel de monno conzagrato?!

Cede un par de cojjoni! E dde sto passo
S’arriva a llevà Iddio dar paradiso,
Pe mmettesce in zu’ logo Satanasso!

Duncue pare che ssii bell’e indisciso
Ch’er Zantopadre a sto monnaccio è ll’asso,
E ppò ddí rriso ar farro e ffarro ar riso.

In legno, presso il Fosso, 11 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 311 volte