Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA BBELLA GGIUDITTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Disce l’Abbibbia Sagra che Ggiuditta
Doppo d’avé ccenato con Llionferne,
Smorzate tutte quante le luscerne
Ciannò a mmette er zordato a la galitta:

Che appena j’ebbe chiuse le lenterne
Tra er beve e lo schiumà dde la marmitta,
Cor un córpo da fía de mastro Titta
Lo mannò a ffotte in ne le fiche eterne:

E cche, agguattata la capoccia, aggnede
Pe ffà la mostra ar popolo ggiudio
Sino a Bbettujja co la serva a ppiede.

Ecchete come, Pavoluccio mio,
Se pò scannà la ggente pe la fede,
E ffà la vacca pe ddà ggrolia a Ddio.

Roma, 14 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 461 volte