Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI VENTISCINQUE NOVEMMRE

Giuseppe Gioacchino Belli

Oggiaotto ch’è ssanta Catarina
Se cacceno le store pe le scale,
Se leva ar letto la cuperta fina,
E ss’accenne er focone in de le sale.

Er tempo che ffarà cquela matina
Pe Nnatale ha da fàllo tal e cquale.
Er busciardello cosa mette? bbrina?
La bbrina vederai puro a Nnatale.

E ccominceno ggià li piferari
A ccalà da montaggna a le maremme
Co cquelli farajòli tanti cari!

Che bbelle canzoncine! oggni pastore
Le cantò spiccicate a Bbettalemme
Ner giorno der presepio der Ziggnore.

18 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 312 volte