Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CUCCHIERE DE GRINZA

Giuseppe Gioacchino Belli

Er cazzo che vv’arrabbi! A ssan Ghitano
Sò vvent’anni che bbatto la cassetta:
E nnun tienevo un pelo a la bborzetta
Che ttata me metté lla frusta in mano.

Ma ssai tu, a Rroma, a Nnapoli, a Mmilano
Quanti cucchieri ho ffatti stà a la fetta?
Sti bbanchieri strillaveno vennetta
Riccojjenno li ferri da lontano.

Ho gguidate parijje io co la vosce
C’averebbeno, a un dí, ttramonto er zole,
Cavalli da fà ffà sseggni de crosce!

E ssò arrivato co le bbrijje sole
A pportamme da mé ssedisci frosce!
Duncue famo per dio poche parole.

In legno, da Morrovalle a Tolentino, 28 settembre 1831

Questa poesia è stata letta 363 volte