Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PRIMO BBOCCONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Qual è ttra li peccati er piú ppeccato
C’abbi fatto ppiú mmale a ttutt’er monno?
Quello primo? Ggnornò: mmanco er ziconno,
O er terzo, o er quarto. Er quinto-gola è stato.

Pe una meluccia, c’averà ccostato
Mezzobbaiocco, stamo tutti a ffonno!
Pe cquesto er zeggno de st’ossetto tonno
Cqua immezzo de la gola sc’è rrestato.

Vedi che bber zervizzio sce fasceva
Quer cornuto d’Adamo, nun zia mai,
Co cquella jjotta puttanaccia d’Eva,
Si mmai Dio Padre, c’ha ttalento assai,
Nun mannava er fijj’unico c’aveva
Ggiú in terra a rrippezzà ttutti li guai.

Roma, 21 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 428 volte