Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

T’hai da capascità cche, o bbianco, o rrosso,
O nnero, o ppavonazzo, te sfraggella,
Sin che in ner mare sce sta er pessce grosso,
Er piccolo ha d’avé la cacarella.

Tristo chi nnassce sott’a cquella stella,
E a le snerbate nun za ffacce l’osso!
Bisoggna fasse mette la bbardella
E bbascià er culo che tte caca addosso.

Prima sce bbuggiarava er zor Pietruccio:
Oggi nun è ppiú bbroccolo, ma ccavolo,
E cce bbuggera in cammio Pavoluccio.

Inzomma, un giorno Pietro e un giorno Pavolo,
Noi stamo sempre com’e ddon Farcuccio
Sott’a le granfie o dd’un demonio o un diavolo.

Roma, 23 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 1100 volte