Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER GIORNO DER GIUDIZZIO

Giuseppe Gioacchino Belli

Cuattro angioloni co le tromme in bocca
Se metteranno uno pe ccantone
A ssonà: poi co ttanto de voscione
Cominceranno a ddí: «Ffora a cchi ttocca.»

Allora vierà ssú una filastrocca
De schertri da la terra a ppecorone,
Pe rripijjà ffigura de perzone,
Come purcini attorno de la bbiocca.

E sta bbiocca sarà Ddio bbenedetto,
Che ne farà du’ parte, bbianca, e nnera:
Una pe annà in cantina, una sur tetto.

All’urtimo usscirà ’na sonajjera D’angioli,
e, ccome si ss’annassi a lletto,
Smorzeranno li lumi, e bbona sera.

Roma, 25 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 778 volte