Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come saranno ar monno terminate
Le cose c’ha ccreato Ggesucrito,
Se vederà usscí ffora l’Anticristo
Predicanno a le ggente aridunate.

Vierà ccor una faccia da torzate,
Er corpo da ggigante e ll’occhio tristo:
E pper un caso che nun z’è mmai visto,
Nasscerà da una monica e dda un frate.

Poi pe ccombatte co sta bbrutta arpia
Tornerà da la bbúscia de San Pavolo
Doppo tanti mil’anni, er Nocchilia.

E appena usscito da l’inferno er diavolo
A spartisse la ggente cor Messia,
Resterà er monno pe sseme de cavolo.

25 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 464 volte