Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PECCATO D’ADAMO

Giuseppe Gioacchino Belli

E ttanto chiaro, e ste testacce storte
Nu la sanno capí, che dda cuer pomo
Che in barba nostra se strozzò er prim’omo
Pe ddegreto de Ddio nacque la morte;

E cche llui de l’inferno uprí’ le porte,
E o ggranne, o cciuco, o bbirbo, o ggalantomo,
Ce fesce riggistrà ttutti in un tomo,
Ce fesce distinà ttutt’una sorte!

Perché pperché! se sturino l’orecchie,
Vienghino a ffalla loro un’antra lègge
Sti correttori de le stampe vecchie.

Perché pperché! bber dí dda ggiacobbino!
Er libbro der perché, cchi lo vò llegge
Sta a ccovà ssott’ar culo de Pasquino.

26 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 1202 volte