Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Bisogna che lo stemma corrisponna
ar nome istesso a furia de pupazzi,
bianchi, rossi, turchini, pavonazzi,
tutti inquadrati in d'una cosa tonna.

Li Colonna che cianno? Una colonna.
Presempio, la famija Ficarazzi
cosa credi che tienghi? Quattro razzi
cór un ber fico in mano d'una donna.

Guarda li mi' padroni: puro loro
cianno tanto de stemma su la porta,
co' tre pigne d'argento in campo d'oro.

Ma mó, però, l'argento je se stigne,
la porporina casca, e un po' pe' vorta
che vôi che je ce restino? Le pigne.



Questa poesia è stata letta 1017 volte