Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MORTORIO DE LEONE DUODESCIMOSICONNO

Giuseppe Gioacchino Belli

Jerzera er Papa morto sc’è ppassato
Propi’ avanti, ar cantone de Pasquino.
Tritticanno la testa sur cusscino
Pareva un angeletto appennicato.

Vienivano le tromme cor zordino,
Poi li tammurri a tammuro scordato:
Poi le mule cor letto a bbardacchino
E le chiave e ’r trerregno der papato.

Preti, frati, cannoni de strapazzo,
Palafreggneri co le torce accese,
Eppoi ste guardie nobbile der cazzo.

Cominciorno a intoccà ttutte le cchiese
Appena usscito er morto da Palazzo.
Che gran belle funzione a sto paese!

26 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 428 volte