Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE SSEQUIE DE LEONE DUODESCIMOSICONNO A SSAN PIETRO

Giuseppe Gioacchino Belli

Prima, a Ppalazzo, tanti frati neri
La notte e ’r giorno a bbarbottà orazzione!
Pe Rroma, quer mortorio bbuggiarone!
Cqua, tante torce e ttanti cannejjeri!

Messe sú, mmesse ggiú, bbenedizzione,
Bòtti, diasille, prediche, incenzieri,
Sonetti ar catafarco, arme, bbraghieri,
E ssempre Cardinali in priscissione!

Come si er Papa, che cquaggiú è Vvicario
De Crist’in terra, possi fà ppeccati,
E annà a l’inferno lui quant’un zicario!

Li Papi sò ttre vvorte acconzagrati:
E ssi Ccristo sciannò, cciannò ppe svario
A ffà addannà li poveri dannati.

28 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 260 volte