Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA REVERENNA CAMMERA APOPRETICA

Giuseppe Gioacchino Belli

Sta Cammera de è una puttana:
Bbeati quelli che la ponno fotte,
E ddajje che sse sentino le bbòtte
Sino ar paese de la tramontana.

Da pertutto qui sbarcheno marmotte,
Che nun zò ussciti ancora da dogana
Che ssubbito, aló, cchírica e ssottana,
Eppoi tajjele ggiú che ssò rricotte!

A Rroma, abbasta de sapé er canale
E trovà er buscio pe fficcà un zampetto,
A cquaresima puro è ccarnovale.

Ma er padre de famijja poveretto
Nassce pe tterra, more a lo spedale,
E si ffiata sciabbusca er cavalletto.

27 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 363 volte