Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Mi’ nonna a un’or de notte che vviè ttata
Se leva da filà, ppovera vecchia,
Attizza un carboncello, sciapparecchia,
E mmaggnamo du’ fronne d’inzalata.

Quarche vvorta se fàmo una frittata,
Che ssi la metti ar lume sce se specchia
Come fussi a ttraverzo d’un’orecchia:
Quattro nosce, e la scena è tterminata.

Poi ner mentre ch’io, tata e Ccrementina
Seguitamo un par d’ora de sgoccetto,
Lei sparecchia e arissetta la cuscina.

E appena visto er fonno ar bucaletto,
’Na pissciatina, ’na sarvereggina,
E, in zanta pasce, sce n’annàmo a lletto.

28 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 682 volte