Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CIVICO AR QUARTIERE

Giuseppe Gioacchino Belli

Buggiaralle peddio chi ll’ha inventate
St’armacciacce da foco bbuggiarone!
Ché ggià de scerto dovett’èsse un frate,
Co un po’ de patto-tascito a Pprutone.

Sor zargente, nun famo bbuggiarate:
Cuanno che mme mettete de piantone,
O ccapateme l’arme scaricate,
O ar piuppiú ssenza porvere ar focone.

Cortello santo! Armanco nun è cquello
Vipera da vortasse ar ciarlatano!
Pe mmé, evviva la faccia der cortello!…

Lo scanzate quer buggero, eh, sor Pavolo?
Nun ze pò mmai sapé co st’arme in mano!
E ppò a le vorte caricalle er diavolo.

30 novembre 1831

Questa poesia è stata letta 384 volte