Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SANTA CONFESSIONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Avessi fatto ar monno ancora ppiú
De tutto er bene che ppò ffasse cqui;
Fussi un zanto, una cosa da stordí,
Fussi un mostro infernale de vertú;

Maggnete, fijjo mio, lecchete tu
’Na fetta de salame er venardí,
E bbona notte: hai tempo a ffà e a ddí:
Se va a ffà le bbrasciole a Bberzebbú.

Ringrazziamo però la bbonità
De Ddio, ché ppuro er vicoletto sc’è
Pe ffà ppeccati in pasce e ccarità.

Basta ’ggnitanto d’annà a ffà ccescé
In cuella grattacascia che sta llà,
Eppoi te sarvi si scannassi un Re.

11 dicembre 1831

Questa poesia è stata letta 523 volte