Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI PECCATI MORTALI

Giuseppe Gioacchino Belli

Er padre Patta, indove sce va a scola
Er fio de quer che ffa la regolizzia,
Ha ddetto c’portre ar peccato de sòla
Sette sò li peccati de malizzia.

Eccheli cqui pparola pe pparola:
Primo superbia, siconno avarizzia,
Terz’usura, quart’ira, quinto gola,
Sesto indivia, ë ssettimo pigrizzia.

Cuanno Iddio creò ssette sagramenti,
Er demonio creò ssette peccati,
Pe ffà cche ffussi contrasto de venti.

E cquanno che da Ddio furno creati
Ar monno confessori e ppenitenti,
Er diavolo creò mmonich’e ffrati.

12 dicembre 1831

Questa poesia è stata letta 523 volte