Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Lo so... è un pezzetto ormai che v'ha sposato
sóra Rosina mia: ma nun fa gnente;
io ciò avuto l'amiche e le parente
ch'hanno tardato l'anni, hanno tardato.

Er professore che v'ha consijato?
d'annà a li bagni? Embè, dite ar tenente
che ve ce porti. Che pô di' la gente?
tutti lo sanno ch'è vostro cognato.

Ve ne state là un mese, ve ne state,
ve divertite e coll'aria de mare
ciavrete tutto quello che cercate.

Un anno fa, la moje der prefetto
agnede a Porto d'Anzio cór compare,
rivenne a Roma e fece un ber maschietto!



Questa poesia è stata letta 1082 volte