Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come campa Mattia? campa er cazzaccio
A le spalle der vecchio Zzaccaria.
Fa ll’arte che fasceva er Micchelaccio:
Maggnà e bbeve, annà a spasso, e ttirà vvia.

E io porco somaro gallinaccio
Che mme vado a ddannà ll’anima mia,
Che schiatt’e ccrepo, e sbuggero, e mme sbraccio
Pe mmantené la pacchia ar zor Mattia!

Fijji?! Accidenti a cchi li scerca, io dico!
Eppuro sto gustaccio che cc’è mmone
D’annalli seminanno è acussí antico!

Uh ppotessi tornà ddrent’ar ficone
De mi’ madre, voría, sin a un ciníco,
Tajjamme st’uscellaccio bbuggiarone.

8 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 351 volte