Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CHIESETTA DE CAMPAGNA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Benché er curato riabbia la pretesa
de chiamalla addrittura la Rotonna,
è 'na chiesetta piccola, 'na chiesa
senza nemmanco un marmo o 'na colonna;
nun c'è che un Gesù Cristo e 'na Madonna,
co' la lampena rossa sempre accesa.
Quanno ch'er sole sbatte sur cristallo
der finestrone, ariva dritto ar segno
con un gran razzo imporverato e giallo
addosso a un San Domenico de legno,
intajato in un modo accusì indegno
che fa passà la voja de pregallo.
Però 'sto San Domenico, siccome
ogni tantino sfodera ' na grazzia,
ner paese s'è fatto un certo nome:
e la gente devota lo ringrazzia
co' l'attaccaje ar muro la disgrazzia
in un quadro dipinto Dio sa come!
Ho visto, tra un incendio e un ferimento,
una donna che scivola in cornice;
c'è scritto: «L'otto aprile novecento,
a Francesca Pomponi stiratrice
je passò sopra tutto un reggimento...».
Ma come sia finita nu' lo dice.
— Nun pô crede li voti che maneggio:
— me diceva er curato — Nun pô crede
come tutta 'sta gente cià più fede
in lui che ar deputato der colleggio...
Perché 'sto San Domenico cià er preggio
de fa' qualunque grazzia je se chiede.
Guardi quanti miracoli, perbacco!
Guardi quanti fattacci! È sorprendente!
Er muro è pieno, nun ce sta più gnente...
Se ne fa un antro, dove je l'attacco? —
E, ricercanno er posto co' la mente,
se pijava una presa de tabbacco.
Allora, io puro, indegnamente ho chiesta
una grazzia e j'ho detto: — Se so' degno,
fate che Nina mia sia sempre onesta! —
Ma ho visto er San Domenico de legno
che ha fatto un movimento co' la testa
come pe' dimme: — Sì... ma senza impegno!



Questa poesia è stata letta 1747 volte