Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Don Pietro Patta è un bravo confessore
che serve tutta l'aristocrazzia:
è de manica larga e tira via
pe' fasse benvolé da le signore,
massimamente da le maritate
ch'hanno bisogno d'esse perdonate.
La contessa, defatti, va da lui
tutte le feste a dije quer ch'ha fatto
e a presentaje er resoconto esatto
sur movimento de l'amanti sui:
ché la contessa, in fatto de passioni,
è er bollettino de le promozzioni.
Appena la signora s'inginocchia,
don Pietro imbocca ner confessionale,
ma, siccome è un po' grosso e c'entra male,
sospira, soffia, sbuffa, e er legno scrocchia,
finché s'aggiusta e co' 'na certa fiacca
caccia fòra la scatola e stabbacca.
Stabbacca e, pe' l'effetto de la presa,
se soffia er peperone così forte
che l'eco s'arisente du' o tre vorte
come facesse er giro de la chiesa,
e ar tatanai che fa quanno rimbomba
nun capite s'è un naso o s'è 'na tromba.
— Dite, figliola... — E la signora, pronta,
principia a ciancicà quarche peccato
cór solito ciccì... sentite er fiato...
er fiato solamente che racconta
o, ar più, quarche pezzetto de parola
che j'esce a tradimento da la gola.
— Padre, sì... quarche sera... jeri solo...
perché... non lo sapevo... l'ho promesso...
Tre volte... quello no... piuttosto spesso... —
E da 'ste cose aricchiappate a volo
potete figuravve a la lontana
quello ch'ha fatto ne la settimana.
Quanto ce mette? Assai! Ché la signora,
pe' riccontaje certe scappatelle
che su per giù saranno sempre quelle
certe matine nu' j'abbasta un'ora!...
Un'ora e più! Purtroppo 'ste vassalle
ce metteno più a dille che a rifalle!



Questa poesia è stata letta 4458 volte