Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Te l'aricordi più le passeggiate
in queli vicoletti de verdura,
in quele grotticelle sprofumate
che pareveno fatte su misura
pe' fa' passà le coppie innammorate?
Te l'aricordi più. ciumaca bella,
la testa de quer satiro che stava
anniscosta framezzo a la mortella,
che rideva e faceva capoccella
pe' minchionà la gente che passava?
Sortanto quer pupazzo avrà sentito
tutti quanti li baci che m'hai dato!
Sortanto quer pupazzo avrà capito
fino a che punto m'ero innammorato
o, pe' di' mejo, m'ero arimbambito!
Pareva quasi che ner vede a noi
ridesse e barbottasse fra de lui:
— N'ho visti tanti e tanti come voi,
innammorati fracichi, ma poi
ognuno è annato pe' li fatti sui! —
Defatti, fu così! L'amore eterno
che me giurassi er dodici d'aprile
finì su li principî de l'inverno!
Che lite! t'aricordi? — Infame! — Vile!
— Ciovetta! — Birbaccione! — Va' a l'inferno! —
E Dio solo lo sa tutte le pene
ch'ho sofferto in quer brutto quarto d'ora,
quanno m'hai fatto tutte quele scene;
ma la lezzione che m'hai data allora,
pe' di' la verità, m'ha fatto bene!
Ché mó, quanno ritorno in quela villa
co' quarch'antra regazza che me piace,
già penso che un ber giorno ho da finilla:
così me sento l'anima più in pace
e passo la giornata più tranquilla.
E certe vorte è er core che me dice:
— Bada! nun ce fa' tanto assegnamento;
perché vôi crede a questa, dar momento
che puro co' Ninetta eri felice,
che puro co' Ninetta eri contento? —
Eh, Nina! Che lezzione che fu quella!
Perfino adesso, prima de decide
de volé bene a quarche donna bella,
ripenso sempre ar satiro che ride
anniscosto framezzo a la mortella!



Questa poesia è stata letta 3269 volte