Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sabbato a notte che l'ho veduta
sotto ar lampione d'un marciapiede
manco l'avevo riconosciuta;
che s'è ridotta! Nun ce se crede!
Pallida, grinza, rinsecchita,
povera Rosa, com'è finita!
— Sei tu? — je dissi — Me pare jeri
quanno facevi la stiratrice;
rivedo sempre quell'occhi neri
frammezzo ar bianco de le camice,
quanno cantavi tutta contenta:
fiorin de lilla, fiorin de menta...
Fiorin de menta, fiorin de lilla,
de queli tempi parevi un fiore:
giovane, bella, bona, tranquilla,
piena de vita, piena d'onore,
eri felice nun se sa quanto,
ridevi sempre, ridevi tanto...
Chi se pensava ch'annavi in giro?
Dimme, chi è stato? racconta... come?... —
Lei me rispose con un sospiro
e nun volenno je scappò er nome
de quel'infame che l'ha piantata
doppo d'avella disonorata!
Poi, tutta rossa da la vergogna,
con una mano se cercò in petto,
cacciò un brelocco, l'aprì co' l' ogna:
— Guarda! — me fece — L'avressi detto?
Lo porto sempre, lo terrò addosso
fino a che vivo, fino a che posso!
Vojo che resti cór disonore
qui, su la carne, perché risenta
tutte le spine che ciò ner core,
tutto lo strazzio che me tormenta
quanno la gente me butta in faccia
tutta la fanga de 'sta vitaccia! —
Dar vicoletto dietro ar cantone
spuntò la striscia d'un'ombra nera
che s'allungava sotto ar lampione;
Rosa me disse: — Felice sera... —
E intesi un fischio, corto, deciso,
come un commanno, come un avviso...
Povera Rosa! Me pare jeri
quanno faceva la stiratrice;
rivedo sempre quell'occhi neri
framezzo ar bianco de le camice,
quanno cantava tutta contenta:
fiorin de lilla, fiorin de menta!



Questa poesia è stata letta 1098 volte